Cos’è la MOC e perché è importante farla

Secondo i dati del Ministero della Salute, circa il 15% delle donne che superano i 50 anni risultano affette da osteoporosi. Per questo motivo è importante prevenire ma anche offrire un’analisi approfondita ed efficace a chi già ne soffre.

A tal proposito, l’esame della MOC (acronimo di Mineralometria Ossea Computerizzata) si presta all’occorrenza, risultando un esame diagnostico altamente efficace, non invasivo, in grado di verificare la densità minerale ossea ed in particolare la quantità di calcio nelle ossa.

Questa tipologia di esame, consente di avere un quadro completo dello stato di salute delle ossa. In particolare è estremamente importante per riuscire a scoprire irregolarità (nel caso ci fossero), fare una diagnosi precoce per la comparsa di malattie come l’osteoporosi o l’osteopenia o monitorare l’effetto dei trattamenti utilizzati per la cura.

L’esame può essere effettuato in diversi modi ma il più completo è quello con Tecnologia DEXA (Dual Energy X-ray Absorptiometry) un macchinario che sfrutta un metodo innovativo per analizzare la densità ossea su zone specifiche tramite raggi X.

La MOC non prevede nessun tipo di preparazione prima di sottoporsi allo screening ed ha una durata molto breve.

Come si svolge la MOC

Durante l’esame il paziente si sdraia su un lettino dove, nel lato sottostante, si trova il macchinario che, tramite un braccio mobile, scorre sul corpo analizzandolo.

Grazie a questo meccanismo viene misurata la densità di minerali nelle ossa (Bone Mineral Denisty) in un distretto scheletrico ben delimitato. Solitamente, le zone su cui ci si concentra sono quella lombare e le ossa femorali, ma è possibile anche sottoporsi all’esame Total Body.

I due parametri che vengono individuati e fondamentali per stabilire lo stato di salute delle ossa sono:

  • T-score, indicatore della densità minerale che si riferisce al massimo contenuto di calcio all’età di 30 anni (ritenuta l’età in cui si registrano i massimi livelli di calcio contenuti, dopodiché avviene un lento calo fisiologico);
  • Z-score, indica la variazione media di densità minerale rispetto a persone di pari età.

A seconda dei valori ottenuti e comparati con quelli di riferimento, si avranno tre possibili scenari: normalità, osteopenia (iniziale diminuzione della presenza di minerali nell’osso) e osteoporosi (incremento dell’impoverimento di minerali ed aumento del rischio di fratture).

Perché è importante sottoporsi

La MOC è un esame strumentale estremamente utile per la prevenzione e diagnosi precoce di malattie come l’osteoporosi. La prevenzione attraverso la MOC consente di verificare la scarsa quantità di minerali presenti nelle ossa, precursore della malattia dell’osteoporosi.

Quest’ultima è una patologia che affligge sia uomini che donne ma vede l’universo femminile colpito in una percentuale maggiore, soprattutto quando sia arriva al periodo della menopausa. Questo è un fattore che incide in maniera significativa perché comporta una serie di squilibri ormonali che hanno ripercussioni anche sull’apparato scheletrico.

L’osteoporosi comporta una serie di problematiche a partire dalla fragilità ossea, da cui derivano diverse cause concatenanti e l’esposizione maggiore al rischio di fratture.

Ci possono essere anche dei casi di familiarità con questa patologia e che, quindi, spingano una persona a sottoporsi all’esame per scongiurare o prevenire l’insorgenza dell’osteoporosi.

Oltre la prevenzione, la MOC viene utilizzata per verificare il decorso della malattia e se le cure applicate stiano dando dei risultati ottimali oppure no.

I soggetti più a rischio e a cui è consigliata la MOC

In maniera generale abbiamo appurato che l’esame della MOC consente di identificare con anticipo l’insorgere di problematiche e patologie legate alle ossa. Ma quali sono i soggetti più esposti e che dovrebbero controllarsi più assiduamente?

  • Donne in menopausa e con alterazioni ormonali significative: questo può comportare una diminuzione della presenza di calcio nelle ossa;
  • Uomini con un ridotto assorbimento di calcio e vitamina D nelle ossa;
  • Intolleranze al glutine o celiachia;
  • Malfunzionamento della tiroide (ipotiroidismo);
  • Deficit di assorbimento di vitamine nel corpo;

Presso il Poliambulatorio Santa Lucia, a Galatone, è possibile effettuare l’esame della MOC sfruttando macchinari di ultima generazione e dotati di tecnologia DEXA (Dual Energy X-ray Absorptiometry)

Per un’anamnesi accurata e completa, il nostro centro ti offrirà l’assistenza necessaria per soddisfare le tue richieste. Non esitare a contattarci per prendere un appuntamento in struttura.

Add Your Comment